La nostra storia

LA NOSTRA STORIA

Dopo l'Unità d'Italia la situazione delle famiglie nelle nostre terre era particolarmente difficile. La povertà portava le donne a scegliere di lavorare nelle filande, allontanandole dalla cura della casa e dei figli come era avvenuto per secoli. Nel 1884 fu costituito un comitato guidato da notabili locali con l'intento di dare vita ad un Asilo per "togliere i bambini dal pericolo della strada", con l'obiettivo, inizialmente, di custodia dei bambini. Già nel novembre dello stesso anno si aprì l'Asilo Infantile in un locale del palazzo Tizzoni messo a disposizione gratuitamente dalla famiglia. L'anno successivo, il Comitato decise di organizzare pedagogicamente l'Istituzione con il sostegno delle suore Marcelline e l'accesso ai contributi finanziari di tanti Cernuschesi e derivati dalle relazioni sociali dei Tizzoni e dei Biraghi. Il 4 Novembre 1886 fu inaugurata la sede edificata su un terreno donato dalle Marcelline. Le suore gestivano gratuitamente l'Ente, mentre l'Amministrazione comunale provvedeva alla refezione. L'opera dell'Asilo si ingrandì velocemente, tanto che nelle memorie di Mons. Luigi Ghezzi si legge che in occasione del 25° di fondazione dell'Asilo i bambini accolti erano circa 400 e l'istituzione aveva già avuto riconoscimenti importanti, quali una medaglia d'oro per la direzione didattica e una medaglia d'argento dal Ministero della Pubblica Istruzione. Negli anni del fascismo il regime tentò di di inserirsi nel Consiglio direttivo per "indirizzare" le scelte, ma grazie soprattutto all'allora presidente Ferruccio Barni e alla Direttrice Suor Maria Antonietta Sorre, l'Asilo preservò la propria autonomia. Negli anni Sessanta l'incremento della popolazione della nostra città rese necessario l'ampliamento della sede. In occasione dell'inaugurazione, avvenuta il 9 Novembre 1965 alla presenza del Cardinal Giovanni Colombo si intitolò l'edificio Suor Maria Antonietta Sorre, che fu direttrice dal 1921 per oltre 40 anni. Alla fine degli anni Settanta il Comune e l'Asilo sottoscrissero una convenzione per regolare i loro rapporti e sancire l'appartenenza dell'Asilo Sorre al sistema educativo scolastico della città. Dal 1996 per far fronte alle nuove esigenze delle famiglie, alla Scuola dell'Infanzia è affiancato il Nido per accogliere i bambini a partire dai 18 mesi.

 

Oggi l'Ente è retto da un Consiglio di Amministrazione composto da nove membri di cui cinque eletti in rappresentanza dei soci, uno eletto in rappresentanza dei genitori, tre membri di diritto, a tutela dei valori originali, sono nominati dall'Istituto delle Suore Marcelline, dalla Parrocchia e dai discendenti della famiglia Biraghi.
Finalità principale dell'insegnamento è la crescita armonica e complessiva della personalità dei bambini nell'ambito di una dimensione religiosa.